App per single: consigli, rischi, fake, esperienze

Sempre più spesso di questi tempi, per trovare l’anima gemella o anche solo per ampliare la proprie conoscenze, le persone si rivolgono a Internet. In fondo in un periodo come questo, in cui la tecnologia sta prendendo sempre più piede non è più considerato strano. Tutto si trova su Internet, perché non anche una persona?

ALCUNI SITI D’INCONTRI ONLINE

Le chat per incontri sono numerosissime. Solo per citarne alcune ci sono Meetic; Be2; Match.com; edarling; One date e Parship; si arriva ai meno popolari ma più “specializzati”, come C-date; Dammi sesso e Senza pudore che propongono, come si può ben intuire, incontri per rapporti sessuali; Russiancupid.com sito che offre la possibilità di conoscere ragazze dell’Est, oppure Chatroulette ecc, insomma, chi più ne ha più ne metta, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Ci sono numerosi articoli che indirizzano verso il sito più adeguato in base a ciò che si cerca, al target di età che si vuole e anche in base al fatto di essere una donna o un uomo, perché per le donne alcuni siti sono gratis, ma per gli uomini no!

L’ISCRIZIONE

Iscriversi a questi portali non è una cosa veloce; bisogna rispondere a una serie infinita di domande (altezza, peso, professione, età, residenza, gusti sessuali, esperienze di vita, ecc…). Anche per la creazione del profilo gli articoli con suggerimenti su come farlo non sono pochi.

Per esempio un articolo informa che  “Il tuo profilo è la prima cosa che gli altri iscritti vedono; in particolare, l'immagine del profilo spesso vale più di mille parole ed è sostanzialmente ciò che li motiva a scorrere la tua descrizione per scoprire di più. Lavorare su una buona immagine del profilo, di conseguenza, ti darà più opportunità di conoscere altre persone. Ora veniamo alla seconda cosa a cui si guarda: il nome utente o nickname. È incredibile quanto una parola possa influenzare la percezione dei visitatori. Come avviene con l'immagine, allo stesso modo il visitatore si crea inconsapevolmente aspettative basate sul nickname di una persona ancor prima di visitare la pagina descrittiva. Un ottimo profilo invece richiede solo due paragrafi: uno che spieghi che tipo di relazione stai cercando e un altro che descriva chi sei”.

Dopo aver creato il profilo si può si partire a caccia dell’anima gemella. Ma non sempre, la pesca è fruttuosa. Però tra scetticismo e fiducia, c’è anche chi ha trovato l’amore, non si deve per forza pensare male.

I RISCHI

Ci sono però dei seri rischi. Da una parte, per persone che hanno poco tempo o sono molto timide o con difficoltà a relazionarsi le chat possono essere una valida alternativa. Se non ti trovi bene a parlare con una persona perdi meno tempo che se la vedi e se si sta dietro a uno schermo inizialmente e non ci si guarda in viso può essere una situazione che crea meno ansia, ma c’è il rovescio della medaglia.

Se da una parte le chat hanno questi vantaggi, dall’altra si rischia di non essere più in grado di apprezzare un incontro nella vita reale. Dopo un certo periodo, può anche succedere di non essere nemmeno più in grado di incontrare una persona faccia  a faccia, e se questo può creare problemi nella vita di tutti i giorni, compromette anche un incontro fatto online, perché dopo che per lungo tempo una relazione è stata solo virtuale, portarla su un piano reale fa molta paura, e spesso è il momento in cui queste relazioni finiscono, proprio per il timore di un incontro “vero”.  

Ci sono anche persone che si sono lasciate a causa di questi siti di incontri, dato che a volte si usano queste chat perché si cerca una fuga dalla routine, magari da un matrimonio o da una relazione che dura da molto tempo.  

Ma non è l’unico problema, perché oltretutto questi siti di incontri ci spingono a strumentalizzare l’altro; nel momento in cui si può decidere se parlare o meno con qualcuno sulla base anche solo di una foto viene da chiedersi che valore diamo a una persona. L’autostima da un’esperienza con questi siti di incontri ne può uscire davvero danneggiata, per esempio se nessuno ci contatta mai o anche peri  messaggi offensivi o sgradevoli e i due di picche. Senza contare che alcune persone rischiano addirittura di infilarsi in pericolosi circoli viziosi da cui sarà difficile uscire, insomma, pure in questo caso la dipendenza è dietro l’angolo.

I PROFILI FAKE

L’altro grave rischio non è di natura psicologica, ma è in costante aumento ed è importante parlarne, ed è quello dei profili falsi, detti fake. E’ un fenomeno talmente diffuso che ne ha parlato persino il Wall Street Journal in un articolo dal titolo, appunto, “Le truffe romantiche”. Come riportato dal quotidiano americano, questi tipi di raggiri sono diventati così frequenti che nel 2012 la statunitense Federal Trade Commission ha creato un’apposita sezione per affrontarle.

Si tratta di finte ragazze che con la scusa di voler instaurare un legame serio di matrimonio o di convivenza, cercano di farsi inviare dei soldi dal malcapitato che cade nella loro rete, per poi scomparire. Spesso contattano la vittima via chat e iniziano a instaurare una profonda conversazione, il più delle volte in lingua straniera. Dopo un fitto scambio chiedono dei soldi per i motivi più disparati, come per l’acquisto del biglietto aereo, per le medicine, per sbloccare il loro passaporto, ecc…

Ma non si tratta solo di donne, anche gli uomini non mancano. Sono moltissimi anche i profili falsi di soldati impegnati in guerra. In questo caso gli autori delle truffe chiedono soldi per lasciare l’esercito, per raggiungere di nuovo casa o semplicemente per pagare le spese mediche per le ferite da combattimento ecc. Per rendere l’idea, secondo la FTC, agenzia indipendente per la tutela dei consumatori, solo nel 2013 sarebbero state raccolte denunce di utenti truffati per un totale di 105 milioni di euro, e nel 2013 i siti d’incontri non erano nemmeno così popolari come lo sono ora.

Anche se alla fine magari si riesce a non cadere nella trappola e non si perdono soldi, una persona che subisce un raggiro del genere ne può uscire davvero ferita nei suoi sentimenti, che magari erano veri e sinceri, e si ritorna al problema dell’autostima che chiaramente, dopo essere stati “usati” in modo così subdolo, è distrutta.  

QUALCHE CONSIGLIO

Vorrei dare qualche consiglio per evitare proprio di trovarsi in situazioni nella migliore delle ipotesi sgradevoli o, nelle peggiore, anche pericolose, perché non voglio però che passi l’idea che sia impossibile trovare la persona giusta sui siti d’incontri online; sono un modo come un altro per conoscere altre persone e magari per trovare l’amore, a più di una persona infatti è successo, ma sono siti da utilizzare con cautela e con qualche accorgimento.

Da una parte è ovvio che è meglio iscriversi alla app di incontri più adeguata in base a ciò che si vuole, ma dall’altra è sul serio importante creare un profilo il più possibile sincero e che chiarisca quello che si cerca. La foto è fondamentale perché già se ci si veste in modo o in un altro si attirano persone diverse. II nome utente può essere scelto in modo da riflettere una parte di chi si è e di che cosa si stia cercando.

Per esempio se ami i cani il nickname può essere DogLover; potrebbe attrarre un/una amante degli animali… Se si inizia a chattare è meglio essere sinceri, ma non dire tutto di sé senza filtri, non si sa chi ci sia dall’altra parte dello schermo, può essere infatti una persona che si nasconde dietro a un profilo falso. E’ importante quindi evitare di dilungarsi troppo nelle conversazioni a schermo, dato che può essere un fake, l'incontro fisico non deve tardare ad arrivare, e anche in questo caso è meglio farlo con cautela, perché l’altro rischio dei siti d’incontri appunto, è che non sai mai chi ti troverai davanti.

Nella migliore delle ipotesi è una persona rispettosa, magari con cui può anche nascere qualcosa, ma non è certo detto, quindi èmeglio  organizzare il primo incontro in un luogo dove ci si senta sicuri e che non sia  poco frequentato; non scegliere un punto di incontro vicino a casa o al luogo di lavoro, una persona può anche seguirti; avvisare qualcuno che si sta andando ad un appuntamento “al buio”; non salire in macchina con questa persona. Evitare quindi di farsi riaccompagnare o di farsi passare a prendere e infine, consiglio banale ma per le donne importante, vestirsi come si vuole, ma evitare abiti che attirino troppa attenzione, può essere interpretato in modo del tutto errato.

ESPERIENZE PERSONALI

Detto questo vorrei concludere riportando due esperienze di persone che hanno provato ad usare un sito d’incontri online: “Ero un po’ scettica riguardo agli incontri su Internet, ma essendomi trasferita per lavoro e conoscendo poche persone, ho usato un sito internet per far nuove amicizie. Sono stata molto fortunata, ho incontrato un ragazzo dolcissimo, ci siamo frequentati per una settimana come amici poi si è dichiarato (io non vedevo l’ora). E poco dopo sono rimasta incinta, ora conviviamo e siamo genitori di una meravigliosa bambina”.

Insomma, a volte funziona, ma non sempre, infatti c’è anche chi scrive: “I siti d’incontri sono piuttosto inutili, secondo me una gran fregatura, ci ho bazzicato in tempi di magra (in quelli gratis e in quelli a pagamento provando il periodo di prova gratis) così tanto per testarne l’utilità. Se sei un uomo ti ritroverai in mezzo alle prostitute e alle camgirl a pagamento, e raramente verrai contattato da una ragazza che cerchi qualcosa di più serio.”

Non si può mai sapere se si troverà quello che si cerca sui siti d’incontri, se sarà un’esperienza bellissima o talmente negativa da metterci una pietra sopra. Dipende da persona a persona, come in ogni cosa c’è chi ha fortuna e chi no. In ogni caso bisogna tenere presente si corrono dei rischi, quindi se si vogliono utilizzare certi canali per conoscere qualcuno farlo con cautela.

D.ssa Diana Medri, psicologa e psicoterapeuta, Centro clinico SPP Milano